Perde il lavoro la mattina, il pomeriggio ne ha uno nuovo

la-molisana

Speranza e pensieri positivi. Un pizzico di fortuna ma anche e soprattutto la giusta ricompensa per chi non molla mai. Ce lo insegna una vicenda che arriva direttamente da Campobasso. La protagonista è Federica Alfonso, 27 anni e ultima arrivata al pastificio La Molisana. La ragazza è stata al centro di un vero e proprio record. È stata licenziata di mattina e poche ore dopo ha trovato un altro lavoro.

Dalle dimissioni alla candidatura

Queste le sue parole rilasciate a Primo Numero. “Quando ho dato le dimissioni dall’azienda nella quale lavoravo – racconta – ho subito portato qui il mio curriculum. Ero già nel settore export da qualche tempo. Sapevo che avrei perso il posto perché da un po’ si parlava di tagli al personale e così mi sono fatta avanti. Qui mi sono accorta, da subito, che se dai puoi solo crescere, questa è una realtà di lavoro “sana” nel senso che chi si impegna viene ricompensato”. Federica vive a due passi dallo stabilimento La Molisana di contrada Colle delle Api. Lavora all’ufficio export anche grazie e soprattutto alle sue skills. Infatti parla inglese, francese, spagnolo, giapponese, coreano “e anche un po’ di tedesco che ho imparato vivendo tre mesi in Germania”.

E la sera ecco la prima prova

Un posto meritato per le qualità mostrate dalla ragazza. “Quando è arrivata piangeva”. Questa la rivelazione di Giuseppe Ferro, amministratore delegato del pastificio: “Ma il pomeriggio, quando è andata via, piangeva lo stesso ma questa volta di gioia”.  La prima “prova” è stata a cena, la sera stessa, con una delegazione di coreani giunti nello stabilimento per ragioni commerciali. “Federica è venuta con noi e ha scambiato qualche parola con loro”, dice sorridendo l’ad Ferro. Non si sa mai che lo studio delle lingue orientali fosse solo un modo per fare colpo su chi l’ha selezionata.

Cosa fare prima di presentare una domanda di lavoro

“Oggi bisogna essere competitivi per emergere, occorre mostrare le proprie abilità, anche il curriculum è molto importante. Io, per esempio, ho fatto uno studio, anche grafico, per prepararne uno soddisfacente. Non il solito formato europeo ma una scheda di presentazione. Lì  ho evidenziato parole e concetti che volevo mettere più in evidenza di altri. Ai miei coetanei posso solo dire una cosa. Interrogatevi prima di presentare una domanda di lavoro e chiedetevi: ma io cosa posso fare per questa azienda? Il resto verrà di conseguenza”.

Claudio Cafarelli

Claudio Cafarelli

Classe '85. Fondatore e direttore responsabile di MaiDireCalcio, testata giornalistica sportiva. Istintivo sognatore napoletano, laureato in Economia e giornalista pubblicista per passione. Vivo sulla terra, ma il mare è il mio habitat naturale.
Claudio Cafarelli

Latest posts by Claudio Cafarelli (see all)

Iscriviti alla nostra
newsletter

Registrati e ricevi interessanti
opportunità di lavoro
direttamente dalle aziende

Pubblicità

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *