Lavoro straordinario: differenza fra festivi, notturno e monte ore

loader

Lavoro straordinario

Per lavoro straordinario si intende il lavoro svolto durante un periodo di tempo che va oltre il normale orario di lavoro.

Per legge il normale orario di lavoro è fissato per un massimo di 40 ore a settimana demandando poi alla contrattazione collettiva la possibilità di definire una durata inferiore.

Il limite settimanale dell’orario di lavoro, comprensivo di lavoro straordinario è di 48 ore, laddove la contrattazione collettiva non specifica modalità e tempi del lavoro straordinario la legge stabilisce una durata massima di 250 ore annue.

Il lavoro straordinario non deve essere confuso con il lavoro supplementare ovvero quello effettuato oltre il normale orario di lavoro ma che rientra sempre nelle 40 ore settimanali e quindi viene retribuito esattamente come avviene per l’orario di lavoro normale.

Per accertarsi che effettivamente il lavoro straordinario svolto venga retribuito secondo le normative vigenti il primo passo da fare è quello di verificare quanto riportato nella busta paga con la normativa stabilita dal Contratto Collettivo Nazionale del Lavoro (Ccnl) della propria categoria. Bisogna inoltre effettuare una distinzione fra lavoro notturno, festivo oppure eccedente le 48 ore settimanali.

Per fare un esempio il Contratto Collettivo Nazionale del Lavoro del Commercio prevede le seguenti maggiorazioni retributive:

  • 15% per lo straordinario dalla 41esima alla 48esima ora settimanale
  • 20% per lo straordinario eccedente le 48 ore settimanali
  • 50% per lo straordinario notturno
  • 30% per lo straordinario festivo

Ci sono casi in cui il lavoro straordinario viene effettuato continuativamente, ossia tutti i mesi. In questo caso è possibile che al lavoratore la maggiorazione venga riconosciuta in termini forfettari, restando chiaro che comunque la retribuzione versata a forfait non può essere inferiore a quella calcolata su base di maggiorazione oraria.

Esiste poi un’altra modalità, definita “banca ore”, dove le ore di lavoro straordinario prestate dal lavoratore non vengono retribuite ma bensì ricompensate con dei riposi. Attraverso la banca ore il lavoratore inserisce le ore di lavoro straordinario e poi le “riprende” quando ha bisogno di un turno di riposo in più rispetto a quelli stabiliti.

Per avere maggiori informazioni o se per caso vi rendete conto che la retribuzione dell’orario di lavoro straordinario presenta degli errori potete rivolgervi ai rappresentanti sindacali (interni o esterni) oppure ai CAF di zona.

loader

Alessandra Caputo

Alessandra Caputo

Mi occupo di editing, copywriting, letteratura e social media
Alessandra Caputo

Iscriviti alla nostra
newsletter

Registrati e ricevi interessanti
opportunità di lavoro
direttamente dalle aziende

Pubblicità

2 pensieri su “Lavoro straordinario: differenza fra festivi, notturno e monte ore

  1. Acelya

    Ciao Alessandra avrei una domanda,
    per contratto devo all’azienda 24 ore supplementari al mese che non sono considerati come lavoro straordinario, ma non capisco se queste possono essere incluse nel giorno per esempio festivo nazionale. Esempio lavoro il 1 maggio, questo mi viene “utilizzato” e compreso nelle 24 ore supplementari del contratto oppure deve essere considerato a parte?
    Grazie,
    A.

    1. Alessandra CaputoAlessandra Caputo Autore articolo

      Ciao Aceleya,
      grazie per la tua domanda.

      Dipende dalla tipologia di contratto stipulato fra te e l’azienda e nel più ampio CCNL entro il quale opera.
      Suppongo che tu abbia un contratto di lavoro part-time e per questo le 24 ore aggiuntive non sono considerate come straordinario.

      Il pagamento orario durante i giorni festivi solitamente ha un maggiorativo non in quanto straordinario ma in quanto appunto lavoro durante un giorno festivo e questo dovrebbe essere valido sia per il tuo orario canonico che per le 24 ore aggiuntive. A ogni modo confronta la paga oraria nei giorni festivi stabilita dal tuo contratto e quella sarà considerata la tua paga aldilà se vengano utilizzate quelle del monte ore o meno.

      La distribuzione poi del monte ore aggiuntivo lungo l’arco mensile dipenderà sempre dagli accordi fatti con l’azienda, in genere stipulati fra questa e i rappresentanti sindacali, quindi potresti anche chiedere conferma a loro o anche al CAF più vicino a te.

      Spero di esserti stata utile 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *